Vibo Valentia
 

Maltempo, notte di panico nel Vibonese. Circolazione ferroviaria a singhiozzo

maltempovibonesePanico ma nessun ferito, nella notte a Nicotera, sul litorale vibonese, per il crollo di alcuni muri di contenimento nel centro cittadino a causa del nubifragio che si è abbattuto sulla zona. Alcune famiglie, per il peggioramento delle condizioni atmosferiche in nottata, hanno lasciato le loro abitazioni e sono scese in strada per timore che potessero verificarsi danni agli edifici di via Madonna della Scala. Disagi si sono verificati per l'assenza di energia elettrica. E' saltata la rete telefonica fissa. Durante la notte acqua e fango hanno invaso le strade. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e mezzi di soccorso. A Joppolo è rimasta isolata una famiglia che risiede nei pressi della torre di Parnaso, sul lungomare cittadino. Chiuso il traffico veicolare nella frazione Oliveto a causa del crollo di un muro di contenimento alto 4 metri che costeggia la strada. Non risultano, in base a quanto riferito dalla sala operativa dei vigili del fuoco, altre situazioni di emergenza.

Circolazione ferroviaria prima sospesa e ora invece in ripresa per l'allagamento dei binari dovuto alle intense piogge delle ultime ore fra Nicotera e Joppolo sulla linea Reggio Calabria-Lamezia Terme (via Tropea). Lo rende noto un comunicato delle Ferrovie dello Stato. L'impraticabilità delle strade non consente l'attivazione di servizi sostitutivi autobus. I tecnici di Reti ferroviarie italiane sono sul posto. Disagi e rallentamenti fino a 60 minuti anche sulla linea ferroviaria Reggio Calabria-Lamezia Terme (via Mileto) a causa di un inconveniente tecnico agli impianti di circolazione a Eccellente.

A Catanzaro, nel quartiere Lido i clienti di un ristorante erano rimasti bloccati per diverse ore a causa dell'acqua piovana e dei liquami fuoriusciti dai tombini. Molti gli automobilisti bloccati in auto anche nel centro citta'. Per far fronte ad eventuali situazioni di pericolo causate dal nubifragio che si e' abbattuto sulla citta', nel pomeriggio di ieri il sindaco Sergio Abramo aveva attivato il settore gestione del territorio i cui dipendenti erano intervenuti provvedendo a mettere in sicurezza alcune aree della zona di Jano', via Corrado Alvaro, via Stretto Antico nel rione Fortuna, a Cava, in prossimita' del torrente Castaci, in contrada Santa Domenica, in via Fares e via Siciliani e nel quartiere Santa Maria. Dopo il nubifragio, due squadre di operai avevano provveduto a ricontrollare che tutti i "chiusini" della rete fognaria sollevati dalle acque fossero ricollocati nella propria sede. L'attivita' di verifica e controllo continuera' durante tutta la notte. Problemi anche nel Reggino. I danni maggiori si sono registrati nella notte tra sabato e domenica. A Bagnara e' piu' volte rimasta chiusa la strada statale 18 in localita' Favazzina, dove sono dovuti intervenire i mezzi di soccorso. Una unita' di crisi e' stata istituita anche nella prefettura di Reggio Calabria. Tutte le aree critiche sono state monitorate dalla Protezione Civile regionale, con l'ausilio di Vigili del Fuoco, forze dell'ordine, associazioni di volontariato e amministrazioni comunali. (AGI)Cz1/Adv 181001 GIU 18 NNNN