Reggio Calabria
 

Rosarno (RC), la Lega: “Scegliere subito candidato per le elezioni regionali”

"La situazione di stallo danneggia il centrodestra. Sono mesi che assistiamo al balletto di nomi per la possibile presidenza della Giunta regionale. Un valzer di persone che spesso si smentiscono ed altre volte vengono bocciate, che, pero', sta danneggiando fortemente il popolo del centrodestra". A sostenerlo sono i consiglieri della Lega al Comune di Rosarno, il paese dove si trovava una tendopoli che d'inverno arrivava ad ospitare migliaia di migranti - smantellata quanto Salvini era ministro dell'Interno - e dove alle Europee del maggio scorso il partito di via Bellerio e' risultato il primo con il 35,33% dei voti. "Cosi' come, sino ad ora - proseguono i consiglieri leghisti di minoranza - non si e' parlato o discusso di programmi, limitandosi, solamente, a delle indicazioni di soggetti che spesso non hanno nulla a che vedere con il futuro della nostra regione. Certo e' che lo scenario non e' dei migliori. Si ripetono i soliti riti del passato, ove gruppi di potere cercano in tutti i modi di riaffermare propri uomini per poter controllare, in modo disastroso finora, la regione. Ringraziamo Matteo Salvini e Cristian Invernizzi per aver posto una barriera insuperabile alla riproposizione di nomi impresentabili e facenti parte di quella classe politica del passato che ha distrutto la nostra Calabria. Ora, pero', non si puo' oltre rinviare! Anche perche' il popolo della Lega ed i simpatizzanti cominciano a non capire. Come si fa a non indicare un nominativo di persona onesta, lontana dal passato politico, impermeabile e capace? La Calabria ha moltissime risorse che la possono rappresentare e che non appartengono alle lobby di potere ed affaristiche del passato. Perche' non utilizzarle? I territori si sentono abbandonati e isolati, non comprendendo le ragioni di un mancato dialogo e dibattito che possa sostenere compiutamente questo importante programma di cambiamento radicale"

"E' venuto il momento - proseguono i consiglieri leghisti - delle scelte democratiche in difesa ed a favore del calabresi. Non si puo' oltre rinviare. Non si puo' oltre attendere. Un tale atteggiamento non e', assolutamente, comprensibile". "Evitiamo - sostengono - che, ancora una volta, le scelte ci vengano calate dall'alto e cominciamo, con la sapiente guida della Lega e del Commissario, ad individuare chi ci puo' veramente rappresentare. Non e' un desiderato personale di qualcuno, ma e' il presente e futuro della nostra gente. E' la vita dei nostri figli, e' la crescita del nostro territorio, e' una battaglia per eliminare la nefasta 'ndrangheta, e' l'unica possibilita' per far crescere la Calabria e l'intero meridione, aiutando l'Italia a superare questo momento di stallo economico e occupazionale. E' troppo importante non sbagliare e su tali determinazioni rilevantissime per il nostro futuro non possiamo piu' attendere o delegare chi non si rende conto che trattasi di momento vitale per i calabresi. Sosteniamo l'azione di concreto rinnovamento di Cristian Invernizzi, stiamo vicini al nostro Commissario che tanto bene sta facendo, ma chiediamo con forza che il futuro della Calabria sia gestito dal popolo e dalle comunita' calabresi".