Reggio Calabria
 

Reggio, il 22 ottobre al liceo classico “Campanella” giornata in onore di Salvatore Quasimodo

In occasione del 60° anniversario del conferimento del premio Nobel per la letteratura a Salvatore Quasimodo, il 22 ottobre 2019 alle ore 9:30 presso il Liceo classico "Tommaso Campanella", il Lions Club Reggio Calabria Sud "Area Grecanica" presieduto dall'Avv. Mario Plutino, con la collaborazione della dirigente scolastica dott.ssa Maria Rosaria Rao, inaugurerà la giornata in onore del grande poeta insignito del premio proprio il 22 ottobre 1959.

L'evento avrà come focus centrale la prolusione del chiarissimo prof. Lucio Villari, sul tema "Inquietudine e Storicità di Salvatore Quasimodo" ed è successivo all'intitolazione della strada a Salvatore Quasimodo nel centro della città di Reggio Calabria, grazie alla collaborazione dell'Amministrazione Comunale Falcomatà.

L'incontro verrà introdotto dai saluti del Sindaco Giuseppe Falcomatà, del Coordinatore del Lions Club XI circoscrizione avv. Ettore Tigani, della Dirigente delLiceo prof.ssa. Maria Rosaria Rao, del dott. Maurizio Piscitelli Dirigente dell'Ufficio Scolastico Regionale, e seguirà l'introduzione della prof.ssa Caterina Spanti, docente del Liceo "T. Campanella", e dell'avv. Carlo Mastroeni, Presidente del Parco letterario Salvatore Quasimodo di Roccalumera. I lavori saranno coordinati dall'avv. Mario Antonio Plutino, Presidente del Club Lions.

Dopo la prolusione del prof. Lucio Villari, i lavori saranno conclusi dal dott. Domenico Laruffa, past Governatore del Distretto 108 del Lions Club.

Salvatore Quasimodo e Reggio Calabria sono uniti da un legame sia storico che sentimentale. Il grande poeta visse negli anni '20 a Reggio Calabria allorquando, nel 1926, venne assunto dal Ministero dei lavori pubblici e assegnato al Genio civile di Reggio Calabria. Qui compose alcune delle sue più belle poesie e strinse amicizia con i fratelli Enzo Misefari e Bruno Misefari, entrambi esponenti (il primo comunista, il secondo anarchico) del movimento antifascista di Reggio Calabria.