Cosenza
 

Festival delle Spartenze, presentato il programma degli eventi: laboratori e dibattiti nel Cosentino

Una piccola realtà con l'ambizione di diventare grande, è il Festival delle Spartenze che quest'anno taglia il nastro della quarta edizione. Identità, cultura, una nuova filosofia di conoscenza delle cose, delle storie e della memoria. Valori da apprendere, diffondere ed esportare partendo dal sud, dalla Sila Greca, verso l'Italia e l'Europa. Il tema che accompagnerà il filo rosso delle Spartenze 2019 sarà la Casa come luogo da abitare e condividere: un argomento forte, attuale che sarà accompagnato da tantissimi momenti di approfondimenti, di esperienza e festa.

Il programma del quarto Piccolo Festival delle Spartenze è stato presentato dal direttore artistico, Giuseppe Sommario, nei giorni scorsi, nel corso di un evento istituzionale tenutosi nella Sala Stampa della Camera dei Deputati a Palazzo Montecitorio in Roma.

Il festival muoverà i suoi primi passi a Cropalati Mercoledì 31 Luglio, alle ore 18.30, con l'incontro-dibattito d'apertura, dal titolo "Abitare la condivisione oggi nei borghi in via d'abbandono", al quale prederanno parte – tra gli altri – l'arcivescovo di Rossano-Cariati, Giuseppe Satriano, ed il professore Vito Teti. A conclusione della prima giornata, a partire dalle 22.30, appuntamento con la musica e con Peppe Voltarelli in concerto.

Giovedì 1 Agosto, poi, le Spartenze si trasferirà a Corigliano-Rossano, nel contesto della Masseria Mazzei, dove a partire dalle 10.00, si terrà la tavola rotonda dal titolo: "Turismo sostenibile e destino dei borghi: buone prassi in atto e pratiche buone da adottare facendo rete". Poi di nuovo a Cropalati dove alle 17.30 inizierà il laboratorio/installazioni per i bambini (0-14 anni), tra le vie del borgo, sul tema delle Migrazioni a cura di Roberto Giglio e in collaborazione con l'associazione Lo Specchio di Cropalati. Alle 22.00 con l'apertura della prima fase del Premio Spartenze 2019 si darà spazio alla musica dal vivo di Fabio Macagnino: Una spina nella carne con Francesca Ritrovato.

Sicuramente carico di attese e magia sarà il giorno clou del Festival. Venerdì 2 Agosto si farà tappa a Paludi. Sveglia di buon mattino, alle 5.00, con L'alba delle Spartenze: le donne di Paludi ammasseranno il pane e accenderanno i forni del paese. A seguire, alle 10.00, un viaggio itinerante tra le meraviglie e la storia del territorio: ci sarà la visita al Museo del Codex e al Monastero del Patire. Alle 17.30 ritorno a Paludi dove ancora una volta ad essere protagonisti saranno i bambini e i loro laboratori. La serata, invece, sarà dedicata alla degustazione tipica. Alle 21, infatti, in piazza Benedetto Croce, degustazione di pane e pitta tradizionale e cena rionale in collaborazione con il Circolo San Clemente e con l'Associazione San Francesco. La serata si concluderà con il concerto del gruppo etnofolk "Sabatum Quartet".

Sabato 3 Agosto il gran finale del Piccolo Festival delle Spartenze. A partire dalle 5 del mattino la passeggiata Paludi-Castigione di Paludi a cura del movimento "A piede Libero" e con la collaborazione della cooperativa Atena; dalle 06.30, poi, le incursioni teatrali e cantate a cura di Emilio Ajovalasit del Teatro Atlante. Alle 20, in piazza Benedetto Croce, Cena rionale con la collaborazione del Circolo San Clemente e dell'Associazione San Francesco. Alle 21.30 sempre a Paludi, in piazza Zatt', la presentazione del libro "L'incontro" di Erminio Amelio e a seguire la cerimonia di assegnazione del Premio Spartenze 2019.