Cosenza
 

Rende (Cs), De Rose: “L'Ospedale di Cosenza e l'area urbana che c'è solo quando serve a fare propaganda elettorale”

"La scelta del sito da parte del consiglio comunale di Cosenza di realizzare il nuovo Ospedale in contrada Muoio, ovvero nel luogo dove attualmente si trova, da la misura che a Cosenza, ancora una volta, non si è ragionato in termini di area urbana". Questo quanto affermato da Massimiliano De Rose, candidato a sindaco per la coalizione "Open Politica Aperta", attraverso una nota stampa che aggiunge: "un luogo periferico rispetto all'area urbana già esistente, che costringerebbe all'attraversamento del pieno centro cittadino per raggiungerlo da dovunque si provenga, come adesso d'altra parte".

"È un dato di fatto che la provincia cosentina abbia a nord dell'area urbana il maggior numero di residenti e che a nord siano le altre realtà urbane più popolate, a nord si trovano gli ospedali spoke di Castrovillari e Rossano-Corigliano. Sarebbe stato logico ragionando in termini d'area urbana immaginare un luogo diverso in cui realizzare l'ospedale provinciale, più agevole da raggiungere, più centrale rispetto a quella che la politica chiama la futura città unica, magari un'area già servita da collegamenti stradali, svincoli autostradali, ferrovia e con una superficie sufficiente a garantire anche eventuali ampliamenti per le esigenze dei prossimi decenni. – Continua De Rose - Ciò che più ci sorprende, tuttavia, non è la scelta del sito deliberata dal consiglio comunale di Cosenza (che guarda soltanto agli interessi della città capoluogo), quanto il fatto che il sindaco di Rende continua a non prendere alcuna posizione e a non far valere il punto di vista di Rende, che è parte centrale e territorialmente preponderante dell'area urbana. Manna dica pubblicamente cosa ne pensa e se lui ritiene lungimirante che l'Ospedale della Provincia sia realizzato nel vecchio sito, nella zona più a sud di Cosenza. Certo sarebbe stato logico scegliere per tutte le ragioni che abbiamo detto in questi anni, il sito vicino all'Unical, sarebbe logico che Manna insistesse in tutte le sedi istituzionali per proporre Rende come si era impegnato pubblicamente a fare in quel consiglio comunale di giugno 2018. La nostra non è una posizione di campanile e possiamo anche dire che se proprio non c'è modo di spostarlo al di qua del Campagnano, sarebbe pur sempre meglio e preferibile per tutta l'area urbana realizzare il nuovo ospedale a Vagliolise, area già servita e più centrale. Non è sul campanilismo che si costruisce molto, non è sull'interesse di Rende o di Cosenza che si potrà arrivare alla città unica, bensì sulla reale capacità di compiere scelte coraggiose e strategiche per l'area urbana e tra queste quella più importante e significativa di dove posizionare il nuovo ospedale. - Conclude Massimiliano De Rose - Se non si ha la capacità di guardare oltre il proprio cortile in queste scelte più importanti, non c'è molta speranza di costruire un'unica comunità dell'area urbana".