Cosenza
 

Cosenza, Terranova (Dems Calabria): “Schemi e giochetti portano il Pd a sbattere definitivamente”

"Non ci rendiamo complici di un disastro annunciato e scritto. Abbiamo tentato in tutti i modi all'interno della Commissione regionale per il Congresso di proporre fattivamente idee e percorsi tesi a far uscire il PD Calabria dalla stato vegetativo in cui versa, ma alla luce dei fatti il nostro sforzo di profonda responsabilità e passione politica è risultato vano. Ad oggi sono prevalsi schemi e giochetti logori preconfezionati che portano il Partito a sbattere definitivamente.

Raccogliendo l'invito del segretario dimissionario Magorno, ci siamo adoperati lavorando in modo incessante per riconnettere il Pd con la società calabrese, ricevendo a parole Lodi e apprezzamenti plateali per poi essere raggirati da scuse e sterili motivazioni plausibili col solo fine di autoconservare una classe dirigente responsabile delle continue e pesanti disfatte elettorali degli ultimi 4 anni e che ha deciso, per le prossime elezioni regionali, di accontentarsi di una sconfitta per mantenere a galla con 3-4 consiglieri regionali eletti vecchie rendite di posizione. Una cosa è chiara: vanno fatte le Primarie per la scelta del candidato Presidente, così come accadde per Oliverio e Loiero. Non ci sono al momento candidati del Pd per la prossima tornata elettorale perché a decidere saranno gli elettori del Pd e del centrosinistra attraverso le Primarie.

Abbiamo risposto a convocazioni anche alla vigilia di Ferragosto, guidati da spiccata responsabilità, per delineare percorsi condivisi e virtuosi, per ragionare su cosa fare nell'interesse del Partito regionale, per poi arrivare a scelte che offendono le ragioni della militanza e prendono in giro quanti come noi avevano creduto ad una nuova stagione di protagonismo politico. Abbiamo sempre privilegiato e generato il confronto sul terreno della Politica, altri invece hanno voluto imboccare il vicolo cieco autocelebrativo e la strettoia becera dei personalismi. L'ultima trovata sa del grottesco: dopo mesi di nostre insistenze per produrre iniziativa politica in Calabria su temi cruciali che costellano il vivere quotidiano e futuro di questa terra, si voleva mascherare il colossale raggiro con fittizi incontri in tre giorni con tutti i Circoli della Calabria. Dopo che la riunione della commissione regionale era stata convocata per incontrare i segretari provinciali, puntualmente tutti assenti tranne uno. A questi giochetti noi non ci stiamo e se non si cambia registro non parteciperemo più , informando della paludosa situazione il segretario nazionale Maurizio Martina. Una scelta che tende chiaramente a salvare il Pd regionale da una morte certa". Lo scrive in una nota Giuseppe Terranova, componente commissione regionale per il Congresso Dems Calabria.